Mentastica

Il termine Mentastica deriva dall'unione di mentale e ginnastica e consiste in movimenti semplici, che possono essere eseguiti da tutti, piccoli e grandi, giovani e meno giovani in qualunque momento della giornata ed in ogni situazione: all'alba, seduti su una sedia o una poltrona, mentre si guarda un film, mentre si lavora o dedicando opportuni spazi e tempi alla  sua pratica.

La Mentastica è un momento molto importante dell’approccio Trager, in cui riusciamo a stabilire un rapporto di profonda consapevolezza ed ascolto con noi stessi. La pratica insieme ad altre persone ci riserva altre interessanti interazioni e scambi.

Praticando i movimenti lenti di questa ginnastica mentale, riusciamo a percepire una sensazione di profondo benessere con estrema facilità, recuperando quell'innata capacità di “sentirsi bene” che tutti possiedono.

La pratica consapevole ci da modo di ritrovare finalmente quello stato di benessere che possiamo mantenere nel corso della giornata e nelle varie situazioni.

Movimenti banali e semplici, o complicati e impegnativi rappresentano l'opportunità per rafforzare sempre più la sensazione di benessere, che viviamo come parte integrante della quotidianità, migliorandola continuamente.

Grazie a questa ginnastica mentale diventiamo consapevoli del nostro corpo mediante movimenti spontanei, ritmici, liberi, fluidi e semplici.

Con la Mentastica sviluppiamo un principio ispiratore dei movimenti delle vita quotidiana, per ottenere sollievo dallo stress, sciogliere tensioni e blocchi posturali, sperimentare sensazioni di benessere e migliorare la funzionalità dei nostri movimenti.

La Mentastica misura i risultati con i termini delle sensazioni di benessere profondo e interiore che il movimento porta.  Infatti, i movimenti di Mentastica sono caratterizzati dall’assenza di sforzo: il movimento semplicemente “avviene”.

Torna alla Definizione dell'Approccio Trager

Letto 42723 volte
Altro in questa categoria: « Bibliografia